17 Gennaio 2020

Volvo 850 T-5R: un sogno che diventa realtà!

Volvo 340 GLE

Ricordo come se fosse ieri!

Antracite metallizzato, una macchina per l’epoca fuori da coro, un’auto che era essenziale eppure ne eravamo follemente innamorati.

In circa 10 anni percorse poco più di 50 mila chilometri, per lui, l’auto rappresentava il vero svago, per lui custodirle con amore ma anche tenerci la massima cura, era doveroso.

Giunse così il tempo di cambiare auto, almeno secondo mio padre, un’auto di 10 anni, meritava di esser sostituita.

Altri anni, altre epoche, altro modo di pensare!

Eravamo quattro in famiglia, l’idea era di cambiare letteralmente modello, di “osare”.

Ci aveva affascinato la mitica Volvo 480, una vettura giovane, anticonformista, stupenda, originale ma.. quattro posti secchi e con un bagagliaio… davvero per una valigia, max due!

Le altre case proponevano, chi la Dedra, chi la Serie 3, chi la 155, tutte bellissime auto, ma per mio padre, la lunga lista degli accessori era noiosa, dispendiosa, lui preferiva la full, Volvo era una di quei marchi che ti proponeva una dotazione completa, anche dell’indispensabile.

Ci recammo così in concessionaria, io vivevo all’epoca a Napoli, nel 1991 avevo 14 anni!

Entrati nel salone della concessionaria ecco una favolosa Volvo 480 Turbo, rossa, cattiva, bella, potente, 122 cavalli da quel 4 cilindri turbo, millesette di origine Renault.

Era il sogno di tutti quanti noi, mio padre era pronto a firmare il contratto di acquisto quando… uscì dal retro della concessionaria una… 850 GLT antracite metallizzato.

Sognavamo ad occhi aperti, Lei, una berlina enorme, grossa, pachidermica, eppure aveva fascino da vendere, quel suono cupo del motore, quei cerchi in lega a stella, quell’aspetto da prima della classe.


Tag:, , , , , , , , ,