Honda Civic Type R

Honda Civic Type R è ciò che ogni auto sportiva vorrebbe essere.

Non c’è motivo per cui un appassionato di prestazioni non dovrebbe acquistare una Honda Civic Type R !!!

Sguardo cattivo, linea eccessiva, contenuti da hard tuning, un’estetica così, su di un’auto di serie, non si era mai vista.

Non c’è motivo per nascondere la indole, perché ha sostanza sotto quel suo apparente abito vistoso.

Che look!
Non passa inosservata e di certo chi acquista una Civic Type R ne è consapevole, eccome…
Un cofano motore bombato, parafanghi extra large, minigonne con profili alari: cosa si potrebbe pretendere di più?
Un vistosissimo alettone, cerchi super ribassati, delle pinne sopra lunotto ed un triplo scarico centrale al posteriore!
Gli ingredienti ci sono tutti, per far girare lo sguardo e per non passare inosservati in qualunque circostanza.
Dal traffico cittadino all’autostrada, dalla semplice sosta in Autogrill al rifornimento, ogni occasione è buona per catturare sguardi, attenzioni e curiosità.
La domanda più comune è: “Ma è una vettura di serie o è elaborata”!!
Nel panorama automobilistico mondiale, attuale, la Honda Civic Type R non ha eguali.

Assetto Corsa
Questa sportiva giapponese è una di quelle classiche auto che penseresti che sia sovradimensionata esteticamente parlando, ma quando la guidi ti accorgi che ciò che vedi…è!
Sostanza, tanta sostanza, tanta apparenza, tanta efficacia su strada ed in pista.
Ha girato lungo il circuito del Nurburgring, in configurazione strettamente di serie, impiegando 7 minuti e 43,8 secondi.
Un assetto piatto, un lavoro quello delle sospensioni perfetto.
Il cambio manuale a sei rapporti rappresenta l’assoluta eccellenza, uno dei migliori mai provati da noi di ReporTMotori.it
In scalata la logica di intervento della centralina aumenta i giri del motore, eseguendo la classica “doppietta”!!!
La Honda Civic Type R grazie alla presenza di un’evoluta centralina elettronica, è provvista di due sensori sugli ammortizzatori anteriori ed uno al posteriore.
Un assetto praticamente adattivo che si adatta alle esigenze del guidatore, variando la risposta e la rigidità degli ammortizzatori.

Parola d’ordine turbo!
Un due litri turbo, un quattro cilindri capace di una potenza massima di 320 cavalli con ben 400 Nm di coppia massima.
La coppia è disponibile a partire dai 2.500 giri al minuto ed in prossimità dei 4.000 giri il carattere del motore diventa rabbioso, cattivo, permettendo alla sportiva Honda di sfoderare prestazioni incredibili.
Un sound che inebria l’abitacolo, un progressivo aumento della velocità accompagnato da un contagiri che schizza verso la zona rossa.
Le prestazioni dichiarate parlano chiaro: 272 km/h di velocità massima con uno 0-100 km/h in 5,7 secondi.

Test Drive ReportMotori Commenti disabilitati su Honda Civic Type R emozioni infinite!

A distanza di nove anni la Range Rover Evoque si rinnova, nell’estetica, contenuti e motorizzazioni.

Riprende le forme e silhouette della possente Velar, ma di fatto ne interpreta lo stile con dimensioni più compatte: la nuova Range Rover Evoque è pronta a conquistare il mercato europeo.

Lunga 4,37 metri, larga 1,90 ed alta 1,65, il nuovo SUV inglese pur essendo compatto, sfodera contenuti da maxi, anche nelle sue soluzioni tecniche ed estetiche.

Range Rover Evoque P250 R-Dynamic SE

Saltano subito all’occhio le maniglie a scomparsa, coreografiche quanto pratiche e soprattutto valide, ai fini dell’aerodinamica, perché per emettere bassi CO2 bisogna esser poco voraci di…gasolio e benzina!

Efficienza ed elettrico
Nuovo telaio, nuova piattaforma in acciaio ed alluminio, una struttura denominata Premium Traverse Architetture che sostituisce la precedente D8.

In passato la stretta parentela con Ford aveva fatto si che Range Rover utilizzasse per le economie di scala, strutture simili, così lo scheletro della precedente Evoque era in pratica molto simile a quello della Mondeo!

Strano ma vero!
Dal punto di vista delle motorizzazioni, i conosciuti motori Ingeniuma benzina e Diesel si evolvono, proponendo sulla nuova Range Rover Evoque interessanti soluzioni.

I quattro cilindri benzina da due litri crescono nelle potenze raggiungendo quota 200, 249 e 300 cavalli, mentre per i propulsori Diesel, 150, 179 e 241 cv.

Ad eccezione del 2 litri turbo Diesel da 150 cavalli, tutte le altre versioni sono a trazione integrale e dotate di cambio automatico a nove rapporti.

Novità assoluta sulla nuova Evoque è la presenza del sistema mild-hybrid con rete a 48 Volt, una tecnologia che sfruttando un motorino di avviamento da 15 cavalli regala una ulteriore spinta aggiuntiva: fino a 140 Nm di coppia massima e ricarica in fase di decelerazione.

Previsto l’arrivo della versione plug-in hybrid entro il 2020, modello che porterà al debutto anche un propulsore a tre cilindri, benzina.

Interni da… Velar
Cambia nell’estetica, cambia nelle motorizzazioni, si evolve negli interni.

Fanno bella mostra tre grossi schermi, ad alta risoluzione, con i due centrali touch.

Il grosso display posto in alto è motorizzato ed in grado di trasmettere ai passeggeri numerose informazioni, dal navigatore alla radio DAB fino alle app installate.

Il cruscotto posto davanti al guidatore può raggiungere dimensioni record, fino a 12,3 pollici (optional); tramite un selettore posto sulla razza sinistra del volante, riporta informazioni provenienti dal sistema centrale, chiare e con una grafica impeccabile.

Tecnologia da grande fratello
Innovativa, moderna e tecnologica, sulla nuova Range Rover Evoque le telecamere non mancano, a partire dal sistema ClearSight Rear-View Monitor.

Attraverso lo specchietto retrovisore, tramite una leva, è possibile accedere ad una telecamera che trasmette le immagini provenienti dal retro dell’auto.

Ciò è reso possibile dalla presenza di una telecamera posta  sull’antenna del tetto.

Sempre come optional è disponibile anche la tecnologia ClearSight Ground View che trasmette attraverso le due telecamere poste al di sotto degli specchi laterali cosa avviene davanti e lateralmente alle ruote.

Prova su strada
Dimensioni compatte, parlavamo di poco più di 4,37 metri a fronte di un peso non proprio piuma, perché la massiccia dose tecnologia ha un prezzo.

La nuova Range Rover Evoque ha un peso dichiarato di 1.770 kg, dato questo destinato ad aumentare sensibilmente accedendo alla folta lista di accessori.

La versione oggetto del nostro test drive è dotata di un 2 litri Turbo da 250 cavalli, con una coppia di ben 365 Nm.

Il cambio automatico a nove rapporti asseconda perfettamente il carattere brillante del motore, l’unità ibrida si fa sentire in fase di accelerazione, regalando una inaspettata verve ad un SUVnato per offrire la massima comodità.

Ottime le sospensioni, in grado di assorbire perfettamente qualsiasi asperità stradale.

Abbiamo percorso circa 1.600 km, in tutta comodità, i consumi sono interessanti, con una media di 13 km/litro, la nuova Evoque dimostra tutta la sua efficienza e validità progettuale.

La nuova Range Rover Evoque SE D180 AWD Auto è in vendita ad un prezzo di listino di 58.050 €.

Marco Lasala
marco.lasala@reportmotori.it

Test Drive ReportMotori Commenti disabilitati su Range Rover Evoque P250 R-Dynamic SE